Area Sismica - FRANCESCO PRODE

02-08-2020 - Forlì - Area Sismica

Notizie dall'Arci di Reggio Emilia

29-07-2020 - Reggio Emilia

Area Sismica - AXIOME c/o Arena H...

26-07-2020 - Forlì - Area Sismica

Notizie dall'Arci di Bologna

23-07-2020 - Bologna

#zonalibera l’estate del Vibra e ...

22-07-2020 - Modena - Left Progetto Vibra

Notizie dall'Arci di Reggio Emilia

22-07-2020 - Reggio Emilia

Area Sismica - 18/19 luglio Fabri...

18-07-2020 - Forlì - Area Sismica

Scuola di Musica Popolare - Pross...

16-07-2020 - Forlì - Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli

Piacenza - L'INNOCENZA DI GIULIO - Andreotti non è stato assolto

17-12-2011

MUSICA AL LAVORO 2011-2012
Salone "N.Mandela" della Camera del Lavoro, via XXIV maggio 18, Piacenza

Sabato 17 dicembre alle ore 21.30, primo appuntamento della tradizionale rassegna di musica e parole "Musica al Lavoro" organizzata da Cgil e Arci di Piacenza.
Giunta ormai all'ottava edizione, quest'anno il primo appuntamento, organizzato con il sostegno di Libera Coordinamento di Piacenza, affronta il tema del rapporto tra Stato e mafia visto nell'ottica del "processo Andreotti".
Lo spettacolo si terrà all'interno del Salone "Nelson Mandela" della Camera del Lavoro in via XXIV MAGGIO 18 a Piacenza.

SABATO 17 DICEMBRE - ORE 21.30
L'INNOCENZA DI GIULIO - Andreotti non è stato assolto
di e con GIULIO CAVALLI

con la collaborazione di Giancarlo Caselli e Carlo Lucarelli
regia di Renato Sarti
musiche originali di Francesco "Cisco" Bellotti

Ingresso unico €. 10,00
Apertura biglietteria ore 20.30

Bottega dei Mestieri Teatrali e Teatro della Cooperativa, presentano il nuovo spettacolo scritto, interpretato da Giulio Cavalli e diretto da Renato Sarti, che descrive attraverso le testimonianze, le deposizioni, gli atti giudiziari, una delle figure più controverse della politica italiana: Giulio Andreotti.
In una scena nuda ed essenziale, dove il “posto d’onore” al centro del palco spetta ad un inginocchiatoio su cui è poggiato un impermeabile, prende forma una figura, quella del Senatore ‘prescritto a vita’.
Ce lo racconta in primis un video di Giancarlo Caselli, il giudice che ha istruito il processo Andreotti, che ribadisce con forza qual è stata la sentenza e soprattutto come l’informazione sia stata manipolata in un paese che sembra aver voluto dimenticare la gravità di quanto accertato, di quanto realmente successo: cioè la concreta collaborazione di ‘Giulio Belzebù’, con esponenti di Cosa Nostra fino al 1980.
Inizia così la ricostruzione documentata dell’ascesa del Senatore che lo ha visto negli anni intessere relazioni e rapporti con alcune personalità della politica e dell’economia legati alla mafia.
Si susseguono così, in un alternanza ricca di tensione, tra immagini video e momenti musicali (le musiche sono originali di Stefano “Cisco” Bellotti), le diverse testimonianze, i racconti e le deposizioni che illustrano i momenti chiave della storia. Tante parti di un puzzle, tante tessere che compongono un quadro, dai rapporti tra Andreotti e Michele Sindona, al delitto Ambrosoli a quello del Generale Dalla Chiesa.
Per “L’innocenza di Giulio”, accanto a Giulio Cavalli c’è Stefano “Cisco” Bellotti, ex voce dei Modena City Ramblers, che rafforza le parole dell’attore con la sue canzoni: alcune sono inedite e scritte appositamente per lo spettacolo, ma la maggior parte sono i vecchi cavalli di battaglia dell’artista (“La banda del sogno interrotto”, “40 anni”, “100 passi”). Proprio questi pezzi noti, lungi dall’essere un semplice contentino per il pubblico più giovane, si colorano di nuova tonalità e trasformano il combact folk dell’ex Ramblers in un canto più intimo e riflessivo, dominato dal ritmo del tamburo e dalla voce calda del cantante.

Comitato: Piacenza

CMS Priscilla Framework by Plastic Jumper - Privacy e cookie policy

Accesso redazione