Akkatà - Sedicesima cena d'autunno

16-11-2019 - Bologna - Akkatà

Tin Woodman, One Glass Eye e YOY ...

08-11-2019 - Modena - Kalinka

Vibra - Concerti del fine settimana

08-11-2019 - Modena - Left Progetto Vibra

Prometeo - Novembre 2019

08-11-2019 - Ravenna - Prometeo

Ferrara - Programmazione Sala Boldini

07-11-2019 - Ferrara - Louise Brooks

Notizie dall'Arci di Reggio Emilia

06-11-2019 - Reggio Emilia

Area Sismica - THE YOUNG MOTHERS ...

03-11-2019 - Forlì - Area Sismica

Vibra - Concerti del fine settimana

01-11-2019 - Modena - Left Progetto Vibra

A novembre la Mostra del Fumetto di Reggio Emilia

10-11-2007

Attesa come al solito da migliaia di appassionati collezionisti di fumetti, torna la Mostra Mercato del Fumetto di Reggio Emilia, giunta ormai alla sua 39ma edizione, e organizzata dall'ANAFI (Associazione Nazionale Amici del Fumetto e dell'Illustrazione) e dall'Arci di Reggio Emilia nei padiglioni del Centro Esposizioni di Reggio Emilia, in via Filangieri 15,nell'ambito della 19ma fiera reggiana del collezionismo denominata Cambi&Scambi.

Anche quest'anno la kermesse reggiana dei fumetti anticipa i tempi e si tiene nei giorni 10 e 11 novembre 2007, sabato e domenica, con orario continuato dalle ore 9 alle ore 19 di entrambi i giorni. Collocata appena una settimana dopo il classico appuntamento della mostra di Lucca, la mostra del fumetto di Reggio Emilia può dirsi a tutti gli effetti complementare rispetto alla prima; così come Lucca è un palcoscenico della produzione più recente, con la presenza di tutte le case editrici le cui uscite di solito si trovano in edicola e fumetteria, così Reggio è un paradiso per tutti coloro che collezionano e scambiano materiali che hanno acquistato la patina del tempo, il cosiddetto "fumetto antiquario". Qui si possono trovare quei fumetti che non si trovano da nessuna altra parte, grazie alla presenza di circa centocinquanta fra espositori e collezionisti privati, con numerose case editrici amatoriali che stampano, o ristampano, le avventure degli eroi popolari negli anni '40, '50 e '60, come Tex, Zagor, Capitan Miki, Blek Macigno, il Piccolo Sceriffo, e altri ancora, anche se non mancheranno, naturalmente, gli eroi di carta più recenti.

E' questo il motivo che fa convergere quindi a Reggio Emilia soprattutto i collezionisti da tutta Italia: uno straordinario (e ormai praticamente unico) momento di incontro di domanda e offerta di piccoli tesori, preziosi per ognuno in modo diverso, a seconda anche del significato e dei ricordi, delle emozioni che essi suscitano in tutti gli amanti di questo genere di letteratura disegnata, giovani o vecchi che siano, anagraficamente o di esperienza collezionistica.

Come ogni anno, uno spazio importante nel programma della manifestazione lo ricopre anche la tradizionale mostra monografica, dedicata ogni volta ad un autore del fumetto italiano. E' questo il turno di un grande autore, purtroppo scomparso da tempo, fra i più importanti e celebrati di tutto il fumetto italiano: è stato paragonato a Escher e a Bosch, in Francia lo chiamano il Disney europeo, un maestro dell'assurdo, un 'estremista di centro', che ha sempre dimostrato grande libertà e indipendenza dal potere, principale oggetto dei suoi sberleffi. Un aggressivo burlone capace di scherzare su tutto e su tutti: Benito Jacovitti.

"Nasce a Termoli (Campobasso, Italia) il 19 marzo 1923. Esordisce giovanissimo, collaborando con vignette umoristiche al settimanale Il brivido. Nell'ottobre del 1940 approda al settimanale cattolico per ragazzi Il Vittorioso e crea Pippo, subito affiancato da altri due ragazzini con i quali forma il terzetto dei "3 P" Pippo, Pertica e Palla. Diventa ben presto una delle colonne del popolare giornale a fumetti, propagandato e diffuso attraverso la rete distributiva delle parrocchie e degli oratori, venduto nelle chiese.

Autore assai prolifico, ha al suo attivo decine e decine di personaggi, prima sulle pagine del Vittorioso (come i 3 P, Cip l'arcipoliziotto e il suo stolido assistente Gallina, la signora Carlomagno, Mandrago il mago e l'onorevole Tarzan), poi su quelle del Giorno dei ragazzi (dal popolarissimo cowboy Cocco Bill con il suo cavallo Trottalemme al fantascientifico Gionni Galassia e al giornalista Tom Ficcanaso), poi sul Corriere dei piccoli (Zorry Kid, parodia del celebre Zorro, Jack Mandolino, un malvivente sfortunato quanto incapace, Tarallino, eccetera).

Nei primi anni Cinquanta, ancora legato dal contratto con il Vittorioso, non può firmare le vignette e le pagine umoristiche per Il Travaso e Travasissimo di Guasta; nel 1956 firma come Francito (in fondo il suo secondo nome) il personaggio preistorico Sempronio proiettato ai nostri giorni. Ogni anno, dal 1950 agli anni Settanta, crea diari scolastici sui quali "studiano" generazioni di italiani, i mitici Diario Vitt.

Illustra molti libri per ragazzi, come "Pelandrone e la fattoria" di Pietro Sissa (Cino Del Duca Editore, Milano, 1958). Nel 1967 collabora con L'automobile, mensile dell'ACI (Automobile Club Italia), dove pubblica le avventure di Agatone. Viene pubblicato anche da Linus (Gionni Peppe, da luglio a dicembre 1974). Lavora anche per la pubblicità, realizzando tra le altre cose giochi come "Il gioco del si può" alias "Risparmiare energia elettrica si può" (per l'ufficio stampa e PR dell'ENEL, nel 1980). Muore a Roma il 3 dicembre 1997." (Fonte: Fondazione Fossati)

Oltre alla mostra di tavole a fumetti e illustrazioni originali, l'ANAFI è lieta di annunciare per l'occasione la realizzazione di un apposito catalogo della mostra stessa, dal suggestivo titolo Jac, tutti i volti del comico. Nell'ambito delle due giornate sono naturalmente previsti diversi ospiti del comicdom nostrano, i cui nomi saranno resi noti in seguito.

Infine, l'ANAFI presenta ai soci il numero 64 della sua rivista FUMETTO, strumento indispensabile per i collezionisti che hanno a cuore gli aspetti storico-filologici delle nuvolette. In questa occasione arrivano anche in contemporanea l’ultimo volume previsto dal programma sociale Anafi 2007, dedicato al maestro Luciano Bottaro, dal titolo Un sorriso lungo una vita, e il primo volume riservato a quanti si assoceranno nel 2008, dedicato alle avventure del Simon Templar creato da L. Cartheris e disegnato da J. Spranger: The Saint, il ladro gentiluomo.

Appuntamento dunque a tutti i collezionisti e gli appassionati di fumetti alla 39ma Mostra mercato del fumetto di Reggio Emilia, il 10 e 11 novembre dalle ore 9 alle ore 19 alla Fiera di Reggio. Parcheggio gratuito, biglietto d'ingresso 7,00 euro (ridotto 5,00 euro per i ragazzi da 11 a 14 anni); biglietto omaggio per i soci ANAFI che mostreranno la tessera alla biglietteria e per i ragazzi sotto i 10 anni.

Comitato: Reggio Emilia

CMS Priscilla Framework by Plastic Jumper - Privacy e cookie policy

Accesso redazione